Flamenco Tango Jazz

Coreografie di Renato Greco e Maria Teresa Dal Medico

Il Flamenco, il rito e la passione; una storia d’amore in cui desideri e dolori si mescolano. Il gitano, lo spirito nobile e profondo della Spagna, custodisce il fuoco e l’alfabeto dell’Andalusia. Si esprime attraverso i passi della sua danza, articolata su una musica “nera”. Il flamenco è un modo di essere, di vivere, di interpretare la realtà.

Il Tango, la danza della terra d’argento. Tra i porti del Rio de La Plata e i vicoli dell’Orilla, emigranti italiani, francesi ed ungheresi danzano e cantano la disperazione, la volontà di fuga, l’oppressione; sentimenti forti che si uniscono a quelli di lealtà e di fratellanza. In un perfetto equilibrio, le emozioni del popolo si trasformano in danza. Il tango, metafora della vita, è un dialogo sensuale ed erotico tra un uomo e una donna.

L’intensità della danza Jazz mette in scena la libertà d’espressione del corpo in un linguaggio contemporaneo. Uno stile, quello del Jazz, che ha preso vita dai ghetti americani, dove si scatena un canto, una musica e una danza di libertà. La danza jazz in questo spettacolo diviene il mezzo per interpretare la musica classica. Una scelta coraggiosa, ma anche la rivendicazione di una libertà e di una voglia di esprimersi senza limiti.